Sabato 17 dicembre, ore 21, Teatro Duse di Besozzo!

02_pr_locandiera-50x70_exe

SPETTACOLO FUORI STAGIONE

organizzato in occasione della PRESENTAZIONE DEL CARTELLONE 2017
Ingresso gratuito per gli abbonati 2016 – biglietto: 12 € (ridotto U14: 6 €)

La Storia si ripete sempre tre volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa e la terza come partita di calcio.
28 giugno 2012: Italia-Germania, semifinale degli Europei.
Gli occhi del paese sono puntati su SuperMario, perché non ci faccia fare la fine della Grecia (uscita ai quarti).
E poi certo anche sull’altro Mario, perché quella notte a Bruxelles convinca la Merkel ad allentare la cinghia. Ma a noi interessa il terzo Mario, il compagno di Anna, che abita in quel palazzo, dietro quel- la finestra, e quella sera vorrebbe soltanto guardarsi la partita, come tutti. Ma non potrà.
Perché sul cornicione, silenziosi ed eleganti, ci sono Adriano e Laura: si tengono per mano, si vogliono buttare.
Ma perché? E soprattutto, perché proprio ora?!!
Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì!
La partita ha inizio.
Una partita tra (e “intra”) le due coppie, parlando di tutto: dai soldi al razzismo alla religione alla tele- visione al sesso, ribaltando posi- zioni e luoghi comuni, con la schiettezza spregiudicata di chi non ha più niente da perdere. “Un gioco di scherma che poggia su un quartetto d’interpreti perfet- ti… un meccanismo a orologeria pieno di movimento e dinamismo e una buona dose di cinismo… Si ride molto, e di noi stessi perché vi riconosciamo molta nostra realtà. Uno spettacolo rivelatosi un pic- colo gioiello di drammaturgia” (Giuseppe Distefano – Il Sole 24ore).

Progetto e regia di Emiliano Masala
Con:
Giampiero Judica, Elisa Lucarelli, Emiliano Masala, Francesca Porrini
Scene di:
Andrea Simonetti
Disegno luci:
Javier Delle Monache
Suoni:
Alessandro Ferroni
Assistente alla regia:
Mauro Santopietro
Produzione:
Proxima Res e Progetto Goldstein
Uno dei 3 testi italiani vincitori di Eurodram 2016. Selezione Visionari Kilowatt Festival 2016

Per informazioni:
Ufficio Cultura del Comune di Besozzo
0332-970195 2 204
cultura@comune.besozzo.va.it

Per prenotazioni:
Musical Box
Via XXV Aprile Besozzo
0332-770479

Annunci

Sabato 23 aprile, ore 21, Teatro Duse di Besozzo!

13029472_621639611322098_5326703348151418775_o

Sabato 23 aprile non perdetevi il prossimo appuntamento della nostra Stagione Teatrale!
Bernard, quarantenne playboy parigino, mantiene tre relazioni con altrettante hostess di diverse compagnie aeree internazionali. Le gestisce contemporaneamente grazie all’orario dei voli e alla complicità della burrascosa e simpatica governante tuttofare che a ogni nuovo arrivo, seppur di malavoglia, gli regge il gioco.
Un giorno arriva un ospite in casa: un ex compagno di scuola di Bernard, Robert, che al contrario è piuttosto goffo e impacciato con le donne. Quando le compagnie aeree in cui lavorano le ragazze cambiano orari e tempi di transito iniziano i problemi e gli equivoci…
Una commedia comica in grado di divertire lo spettatore con personaggi simpatici e pieni di energia.

Nel cast: la besozzese Maura Tombolato!

Sabato 16 aprile, ore 21, Teatro Duse di Besozzo!

12968092_10208587240185770_8098854219421766400_o.jpg

La compagnia “Il Volto di Velluto” di Brenta è lieta di annunciare il debutto della sua nuova produzione, dal titolo ” ‘night, Mother” di Marsha Norman.
Lo spettacolo andrà in scena in anteprima nazionale presso la Sala Teatro Duse di Besozzo, sabato 16 Aprile 2016 alle ore 21.00

Il testo è stato insignito del premio Pulitzer nel 1983.

TRAMA
Thelma e Jessie: madre e figlia. Due donne allo specchio. La normalità di una sera come tante infranta da una rivelazione che cambierà il loro rapporto e le costringerá a ripercorrere il passato tra speranze e realtà. Puó una bugia cambiare il corso di due vite? Basta l’intimità di una sera ad addolcire gli sguardi? Si può dilatare il tempo fino a fermarlo, per spiegarsi?

CON: Emanuela Legno e Alessia Agostino
SCENE: Sara Cremona
ASSISTENTE ALLA REGIA: Matteo Tibiletti
TECNICA: Igor Pampagnin
TRUCCO: Veronica Braghin

REGIA: Emanuela Legno e Alessia Agostino

Prevendita presso Musical Box – Besozzo, via XXV aprile 58; tel: 0332 770479

Per info prenotazioni

Tel: +39 347 9238808
Email: ilvoltodivelluto@gmail.com
Contatto FB: Emanuela Legno

Sabato 9 aprile, ore 21, Teatro Duse di Besozzo

12916345_10209094732033616_6210754288895780303_o

 

È la storia di Maria Callas raccontata dalla sua più acerrima rivale.

La diva è dipinta in un ritratto distorto dal rancore che continua a opprimere l’animo della cantante che racconta l’ascesa della “greca” in modo dissa- crante e divertente, ricco di aneddoti gustosi sul mondo della lirica. Carmela Babaldi, che prima dell’av- vento della Callas era stata il soprano più amato dal pubblico, torna a Milano dopo tanti anni di assenza. È ormai una donna inacidita dai ricordi dei successi della sua rivale. Scopre però che molti invece considerano ancora Maria Callas la voce più bella di tutti i tempi, che non ha mai cono- sciuto rivali capaci di contenderle lo scettro della lirica. Per la Babaldi que- sto è un colpo, e solo il primo, che la trascinerà in una straziante, ma anche comica, rievocazione della feroce sfida tra le due primedonne della liri- ca. Nella descrizione che ne fa la nemica, la “divina” Callas assume incredibilmente un aspetto umano: veniamo a conoscenza dei suoi vizi e dei suoi errori e capiamo che sono proprio questi ad averla resa così unica, immortale.

Dopo aver ascoltato questa storia il pubblico ascolterà con orecchio diverso Maria Callas e forse la sentirà più vicina.

Sabato 19 marzo 2016, ore 21, Teatro Duse di Besozzo!

Locandina Dante

Un evocativo viaggio fra le più celebri pagine della Divina Commedia, ideato e interpretato dall’attore e regista Alessandro Tampieri per dare vita e corpo ai protagonisti dell’Inferno dantesco.

Nato come progetto site specific per gli spazi dei cimiteri monumentali nella Certosa di Bologna e nei comuni di Trento e Genova, lo spettacolo approda ora al palcoscenico tradizionale dei teatri al chiuso. Storie dall’aldilà portate sulla scena come fossero monologhi di personaggi che prendono la parola per raccontarsi agli spettatori.

Versi di grande pathos come quelli di Paolo e Francesca, Ciacco, Pier delle Vigne, Ulisse e Ugolino, che si arricchiscoo di una dinamica espressiva teatrale, in grado di restituire al pubblico l’assoluta modernità del testo.

Un omaggio all’eccellenza della lingua e della letteratura italiane.
Un modo per riscoprire il patrimonio della nostra memoria.